Stress e sesso vanno insieme o no?

Stress e sessoLa vita sessuale, passionale, emozionale, piena di affetto e dei sentimenti forte, e lo stress, deprimente, penoso, difficile da sopportarlo. Entrambi aspetti indicati sono presenti nella nostra vita. Però possono andare bene insieme o qualcosa deprime altro e in risultato l’uomo rimane infelice? Adesso capiremo tutto.

Prima di capire quale sia legame tra il sesso e lo stress, bisogna essere consapevoli che ci siano due tipi degli stress completamente diversi tra uno e l’altro. Il primo tipo di stress si nomina come “lo stress buono” , mentre l’altro è “quello cattivo”. Tale classificazione ri porta a pensare che una situazione stressante ci potrebbe generare delle emozioni positive, mentre un’altra – ci deprimerebbe.

Durante il cosiddetto “stress buono” si verifica l’insorgenza di qualche emozione forte piacevole. Essa potrebbe essere connessa con la promozione al lavoro, l’incontro inaspettato con il vecchio amico con cui non vi siete visti da secoli, la pratica dello sport estremo. Anche una cena squisita potrebbe generare il massimo piacere gastronomico. Il secondo tipo di stress, come l’abbiamo già nominato in precedenza “lo stress cattivo”, viene provocato da una causa spiacevole, anche forte, però questa volta tale emozione dia una forte risposta deprimente alla persona a cui si è rivolta.

Paragonando due tipi di stress, durante essi si verifica la produzione dei corticosteroidi, anzi, la loro accumulazione aumentata nell’organismo. A tale processo viene accompagnato un altro – la formazione eccessiva di adrenalina e l’aumento della pressione sanguigna. Il fatto che distingue definitivamente si tratta dell’intensività di queste reazioni. A condizione dello “stress cattivo” questi ormoni si producono in eccesso e, in conseguenza, la reazione sul fattore che l’ha provocato è più forte che, ad esempio, durante “uno stress buono”.

Lo stress è la nostra vita

Oggigiorno tutti noi viviamo in un mondo accelerato che ci fa correre ovunque, di lavorare con le ultime forze, di sacrificare la nostra salute allo scopo di ottenere il miglior posto a lavoro, le migliori condizioni di vita, etc. Tale vita ci provoca molti fattori continui insorti quotidianamente che causino diversi tipi di stress. Le situazioni stressanti durevoli provocano l’insonnia, i mal di testa frequenti, le cefalee croniche, le reazioni allergiche, i disturbi gastrointestinali.

Sottovalutati i sintomi primari che ci allarmano dell’insorgenza di un certo malanno, ogni essere umano rischia di sviluppare la distonia vascolare, l’aterosclerosi, l’angina, l’infarto del miocardio e altre malattie di gravezza seria. Lo stress danneggia significativamente il sistema immunitario umano, perciò sia i rappresentanti del sesso forte che le rappresentanti del sesso fragile hanno l’eventualità di ammalarsi delle alcune malattie infettive.

Lo stress e la vita sessuale

Per quanto riguarda la vita sessuale di entrambi i sessi, le situazioni stressanti sono una fonte dell’insorgenza dei vari problema in questa parte della vita umana. Ci sono dei fattori che danno un impatto considerevole al livello della libido e dell’eccitazione sessuale umana. Lo stress influisce sul livello degli ormoni sessuali, il tono generale dell’organismo, la disposizione d’animo dell’individuo.

Per quanto riguarda la vita sessuale dei rappresentanti del sesso forte, essa si danneggia di più, siccome alla presenza delle situazioni che siano in grado di provocare le emozioni forti e cattivi, l’uomo subisce il calo nel desiderio di avere i rapporti sessuali. Per di più, lui diventa insicuro di sé nei momenti più intimi giacché la potenza maschile non arrivi così velocemente come era, ad esempio, prima. In risultato, il sesso forte, senza accorgersene, diventa la vittima della propria vita che lo limita da molti piaceri, includendo il sesso.

Il fatto sta che gli uomini moderni non siano più interessati al sesso. A seconda delle statistiche condotte in Australia dai ricercatori specializzati nel campo sessuale, uno su sei uomini generano il desiderio di fare il sesso solo una volta a mese oppure anche di meno. Tale calo della libido è dovuto all’estrema stanchezza o stress continuo. Durante tale indagine sono stati intervistati 300 rappresentanti del sesso forte, per un periodo piuttosto lungo – per un anno.

Quasi il 50 per cento degli intervistati ha confermato di avere l’eccitazione sessuale con il desiderio ulteriore di avere un rapporto sessuale ogni giorno, 25 per cento ce l’hanno 2 o 3 volte a settimana. Nel frattempo, gli intervistati restanti l’hanno solo una volta a mese o alche di meno. Vale ad aggiungere che questa indagine australiana ha evidenziato il fatto che una coppia su sei ha l’eccitazione sessuale maggiormente espressa non dal rappresentante del sesso forte ma dalla rappresentante del sesso fragile. Il 46% degli uomini, il cui interesse a fare il sesso è considerevolmente diminuito nel corso degli ultimi sei mesi, indica le situazioni stressanti e il lavoro impegnativo come le cause principali. In conseguenza, gli uomini cominciano spesso a domandare sé stessi. Questi tipi delle domande li turbano più dei problemi apparsi per questo motivo con la partner e il successivo peggioramento dei rapporti tra due nella relazione. Nelle situazione con il sesso fragile, ad esempio, le sue rappresentanti indicano il lavoro faticoso come la causa principale del calo significativo della libido e dell’eccitazione sessuale.

Stress e potenza maschile

Purtroppo, molti rappresentanti del sesso forte moderni non hanno I rapporti sessuali quotidianamente, ma al massimo 2-3 volte a settimana. Tale situazione è dovuta allo stile di vita frenetica il quale seguono oggi. Il tempo della vita, come abbiamo già indicato in precedenza, è accelerato assai. A questo punto molti uomini sono predisposti di sottoporsi alla tensione nervosa e fisica a causa del ritmo veloce della vita. Ma in realtà, la mancanza di tempo e l’insorgenza dei problemi costanti batte senza pietà il sistema nervoso maschile giorno per giorno, in conseguenza a ciò, la potenza maschile rende danneggiata al massimo. Come rilevano le statistiche, le situazioni stressanti possono essere apparse ovunque: a casa, al posto di lavoro, mentre si guida la macchina, anche durante le vacanze. L’orario impegnativo al posto di lavoro e la mancanza delle ore dedicate a sé stesso sono le condizione pessime per un uomo che vorrebbe essere sano e avere la vita sessuale senza i gravi problemi.

Come possiamo vedere, le indagini svolte in Australia non ci hanno dato qualche informazione stra-nuovo, ma sono hanno confermato le nostre paure più nascoste. La vita che abbiamo, l’ambiente che ci circonda è la condizione primaria che definisce la salute. Per non avere i problemi con i propri sistemi immunitari, nervosi, sessuali, bisogna trattare bene la salute, la cosa che non si rinnova completamente. Bisogna lavorare bene, sfidarsi però non va dimenticato il riposo. Non siamo le macchine, i meccanismi che possono lavorare senza sosta. Allora, meno stress, più emozioni positive, più riposo e meno scarso sonno. Infatti, le regole sono semplicissime, però la loro semplicità non le rende sottovalutate. Le grandi metropoli attirano molta attenzione di quelli che ci arrivano, soprattutto, dei giovani attivi e ambiziosi. La vita in una grande città permette di ottenere il vasto numero di possibilità. Tuttavia, ci sono alcuni fattori negativi di tale stile di vita ambizioso. Di solito il cittadino di una metropoli passa la maggior parte della giornata in ufficio incaricato di molti obblighi ed impegni. A poco a poco tale routine quotidiana comincia a rappresentare il fattore danneggiante principale per tale individuo.

La vita sempre attaccati al computer, continuamente seduti nelle stanze accumulate delle emissioni magnetiche di internet, la scarsa attività sportiva a causa di essere impegnati continuamente. Bisogna vivere con la gioia e la felicità. Don’t worry! Be happy!